Biodanza in conservatorio “La Vita Fiorisce in Musica”

Portare la Biodanza negli spazi del Conservatorio G. Verdi di Milano, lo scorso anno, è stata un’ esperienza importante e che ha avuto un grande successo di partecipazione. 
 
Ma perché la biodanza in conservatorio? In primis perché ci si rieduca a un movimento ricco di significato emotivo ed espressivo, si coltiva il linguaggio non verbale riscoprendo la pienezza vitale e la gioia di vivere. In questo modo si accresce l’autostima e si rafforza l’identità, educandoci alla relazione affettiva non competitiva e nutrendo la capacità creativa artistica ed esistenziale.
 
La meraviglia con questi ragazzi è che il musicista è profondamente parte del gruppo biodanzante: durante la sessione una o più persone escono dal gruppo e vanno a suonare sostenendo la vivencia dei compagni. Poi rientrano nel gruppo e qualcun altro va a suonare, in un’alternanza di grande emozione. Mi rendo conto che questa è un’esperienza privilegiata che può esistere solo all’interno di un Conservatorio, o scuola di musica, dove tutti sono musicisti.
 
Il corso di Biodanza nel Conservatorio G. Verdi continuerà anche quest'anno e sperimenteremo un po’ di più la possibilità di fare musica dal vivo con gli studenti, per ora provata sporadicamente ma con grandissima emozione.
 
Dall'esperienza del 2019 è nato questo video, prezioso nel raccogliere la testimonianza degli studenti che hanno partecipato alla proposta, mostrando le diverse fasi del percorso.
autore: 
di Maria Vittoria Jedlowski
TAG CLOUD: 
musica
conservatori
biodanza
focus
 

Privacy and cookies

Contattaci

Ass. Biodanza Italia

Viale Omero, 18
20139 Milano
C.F. 97292290158
2018 - All Rights Reserved

E-mail segreteria@biodanza.it

Education - This is a contributing Drupal Theme
Design by WeebPal.